A 74 anni, il 29 marzo 1951 in Pozza di Fassa, mentre per dar gioia a un fanciullo stava suonando la cetra, venne improvvisamente rapita e trasportata tra le melodie angeliche, alle quali s’era ben preparata: ancora quello stesso mattino aveva fatta in Chiesa la Comunione ricevendo lo sposo celeste il quale la premierà per tutte le sue opere buone. Generosissima verso le opere missionarie, beneficò anche in modo speciale per la formazione del Clero indigeno africano per cui il Sodalizio di S. Pietro Claver le dedica questa memoria, raccomandandola ai cristiani suffragi particolarmente degli amici delle Missioni”.

Coscita lejon te si recort.

Se no fossa stat l’eie ascort e curious de Marisa Bosin, che se à fermà su la senta da mort anter dute chele che soa mare la tegnìa su, la fegura e la vita de Maddalena (Nena) la fosse jita deldut desvanida.

Nena la vivea a Poza, no la era maridada e no l’aea fies. Da chel che se conta amò inchecondì, Nena vivea per i fies de i autres, chi te paisc e chi fora per l mondo. Soraldut la volea dar na man ai bec che vivea te familie no massa fortunade. La ruaa te le ciase con soa zitra e la sonaa. La vegnìa chiamada candenò e ela la jia più che bolentiera.

Mia mare se recorda benon de canche Nena jia da ic a la sonar. Tel recordar Nena, un da Vich l conta che el l’aessa abù n gust a jir a emparar da ela, ma dò no la era jita fata. Nena, per chel, la ge aessa ensegnà più che bolentiera. Mia mare la se recorda che canche Nena la é morta, la ge aea domanà a soa mare de jir a ge comprar l strument che l’aessa emparà a la sonar. Coreta via, mia giava, la zitra no la era ja più.

Chi egn, le femene, chele da maridar amò de più, le se dajea ju per tor su scioldi per le miscion. Nena la era ativa. L capion dal recort e l podon ence enmaginar se cognoscion l contest religious de chi egn. La legreza più grana per Nena l’era chela de sonar per ge dar legreza ai bec e a le beze. E endana che la sonaa “a un fanciullo” l’à ciapà l bot e la é sen jita sun paradis. Che bela mort.

N develpai a Marisa Bosin per me aer passà l recort e a Alberto Chiocchetti per aer cerì fora e troà le foto di Nena Barbolini te l’Archif Florian.

(Olimpia Rasom)