Sport: una parola comprensibile in tantissime lingue, una parola dai molti significati. Etimologicamente la parola sembra derivare dal termine latino deportare che vuol dire uscire fuori porta, cioè uscire al di fuori delle mura cittadine per dedicarsi ad attività sportive. Da questo termine deriva il francese disport che significa divertimento, ricreazione, svago. Alle semplici attività fisiche con fini ludici o salutari si aggiungono gli sport con regole precise e una ferrea competizione tra i partecipanti.Lo sport pervade la nostra quotidianità, fa capolino dalle pagine dei giornali, occupa uno spazio considerevole nei telegiornali, viene utilizzato nell’educazione dei nostri figli, è spesso parte integrante del nostro tempo libero, gioca un ruolo importante nella ricerca del nostro benessere psicofisico. Lo sport si esprime rincorrendo un podio attraverso un allenamento instancabile e volenteroso, evadendo dalla routine quotidiana sfrecciando coraggiosamente giù per una pista da sci, sfidando se stessi ed il mare cavalcando un’onda con il surf, cercando costantemente di migliorare le propria condizione fisica in una palestra, perfino seguendo le telecronache sportive stando comodamente seduti in poltrona. Perché anche chi sceglie di seguire una partita di calcio alla TV o di andare allo stadio per fare il tifo si sente uno sportivo; anche chi preferisce di gran lunga la poltrona all’attività fisica può dire con soddisfazione: Il mio “sport” preferito è l’ozio. Siamo tutti un po’ “sportivi”, se non altro nella misura in cui prendiamo la vita con filosofia.Mi affascina la grande quantità di sfumature che racchiude la parola sport, mi piace la varietà, la creatività ed estetica delle varie discipline sportive. Ce n’è davvero per tutti i gusti: dal quasi meditativo golf al poetico pattinaggio artistico, dall’eroica arrampicata all’allegro beach volley, dall’elegante equitazione all’energico polo, dall’armoniosa atletica al nuoto mozzafiato, dall’avvincente slalom allo strategico tennis. Rafting walking curling mountain biking kickboxing hockey bodybuilding spinning bowling rugby skate boarding skyrunning– riprendo fiato e mi fermo, perché la lista sembra interminabile.In base a quali caratteristiche scegliamo la nostra attività sportiva: la velocità, la strategia, la precisione, il gioco, la prontezza di riflessi, la spensieratezza, lo sforzo fisico, la resistenza, il rischio, lo spirito di squadra? Da quali elementi ci lasciamo coinvolgere: l’acqua, l’aria, il fuoco o la terra? Su che discipline poniamo il nostro sguardo curioso? In che modo mettiamo alla prova il nostro fisico e la nostra psiche? Come reagisce il nostro corpo alle diverse sollecitazioni e prove fisiche? Qual è il ritmo del nostro respiro durante l’attività sportiva? Quali modelli seguiamo? Quali aspettative abbiamo? In che modo cerchiamo di superare noi stessi e gli altri? Con quale spirito affrontiamo le gare? Vogliamo vincere o semplicemente partecipare? Per approfondire un tema dal punto di vista psicologico mi piace iniziare sempre dalle domande, perché gli interrogativi permettono di guardarci dentro e di guardarci intorno, di conoscerci meglio. Le risposte emergeranno poi spontaneamente dall’atteggiamento esplorativo, saranno sempre fortemente individuali e soggette a continui cambiamenti.Sono qui per fare il tifo per un’esplorazione consapevole ed una scelta rinnovata del tipo di sport, dei tempi, delle modalità, dei luoghi e dei compagni di squadra. Sostengo uno sport che sappia integrare benessere fisico e sociale, sciogliere le tensioni fisiche e psichiche, svagare senza perdere i valori, tenere conto dell’inclusione sociale e del rispetto per l’ambiente, essere cosciente anche dei pericoli. Uno sport che sappia farsi sorprendere da tutte le sue potenzialità e i suoi rischi, che scopra tutte le sfaccettature di un mondo davvero variopinto.

Autora

Magda Simone
Collaboratrice

Nata nel 1975 a Bolzano, cresce sui meravigliosi pendii della Val Gardena, accompagnata sin dalla nascita da una malattia degenerativa dei muscoli, viene cullata da una scuola trilingue paritetica. Spicca il volo durante gli studi universitari rotellando per gli atenei e le strade di Innsbruck dove impara a conoscere il movimento per la vita indipendente e a sostenere il diritto all’autodeterminazione... >>