Aisciöda

Scialtrida se dlot la doman
che frizia de net
y se sperd
de söa forza frostira.

Les coes è endô plënes de soms
y al sbatora ares lesieres
con sbunfs sighitins
sóra frëida stornüda.

Al é aisciöda.

Primavera

Sconvolta la mattina inghiotte
quel poco di notte
e trasalisce
per la propria forza improvvisa
I nidi sono di nuovo pieni di sogni
e sbattono ali leggere
con timidi sbuffi
sul suolo freddo del bosco

È primavera

*poesia immaginata camminando la mattina presto per il bosco ancora freddo

Plüra

I m’an po' mal
dles stëres sdranades
dla rëna co pica desfata
desco tëra d’aragn jö dal ci,
dal firmamont frëit y abramì,
co e pëia gnanca plü dô
la vidlada de n möt embanì.

Klage

Es tut mir Leid
um die verschütteten Sterne,
um den Wolkenschleier,
der zerrissen wie Spinnennetz vom Himmel herabhängt
um das harte und kältesteife Firmament,
das nicht einmal mehr nach dem Blick
eines verratenen Kindes langt.

Mëter man

I rodi entoronn
da monn a monn,
na ara öna de plomin,
öna de plom /l’altra di piomb
y chiri mëter man;

sön finestra i ponsiers sbaufês,
sön scafes arcuncês
i libri monzenas
y i edli endesprês
desco en viadù de net,
co ne crëi nia ala duman
y chërda con ćiaradöra sprigorada
en mëter man co foss fü o strada

(1980)

Inizio

Vago
da mondo a mondo
un'ala di piuma
l'altra di piombo
e cerco un inizio.

Alla finestra gli inutili pensieri,
impilati su scaffali
i libri menzogneri
e gli occhi svegli
come di notte un neonato
che non crede nel mattino
e chiama con sguardo spaventato
un inizio
che è fuoco o l'inizio di un cammino